Menu

Servizi e prodotti

Real Estate

Nell’area Real Estate IBC annovera competenze professionali focalizzate all’acquisizione e sviluppo degli...

Consulenza societaria e legale

IBC affianca gli imprenditori sin dalle fasi precedenti la formalizzazione della società, accompagnandoli nel...

Management consulting

IBC supporta le imprese Clienti dalla fase di ideazione a quella di implementazione. Per le nuove iniziative...

Gestione Amministrativa

IBC offre un servizio personalizzato di gestione amministrativa in funzione delle specifiche esigenze del cliente....

Publishing

IBC aggrega un team di professionisti con esperienza pluriennale nella redazione di Progetto Repubblica Ceca (Editore...

ICT consulting & software development

IBC fornisce servizi di progettazione, consulenza e assistenza nell’Information & Communication Technology....

Office Rental

Alle aziende che non hanno una sede a Praga, IBC è in grado di offrire un servizio di “Office Rental”...

Area riservata

Ricerca

IBC Planet

Il paesaggio oltre la crisi

Il paesaggio oltre la crisi

Il 31 maggio a Praga, presso l’Istituto Italiano di Cultura (Vltašska 34, Praga 1) è stata aperta al pubblico la mostra di Manuel Bonfanti, intitolata “Il paesaggio oltre la crisi”. L’iniziativa - patrocinata dall’Ambasciata d’Italia, dall’Istituto Italiano di Cultura e dalla onlus Assis - è promossa dall’Italian Business Center di Praga. Il catalogo, edito da Progetto RC, contiene un testo critico di Ivan Quaroni. Attraverso una cinquantina di opere, prevalentemente di medie e grandi...

Macroeconomia, novembre - dicembre 2012 / Economics, November - December 2012

Macroeconomia, novembre - dicembre 2012 / Economics, November - December 2012

Produzione industriale
Come ampiamente previsto, la produzione industriale è crollata in novembre, toccando un -3.9% assoluto, e addirittura un -6.2% a parità di giorni lavorati. Le attese per dicembre sono anche peggiori, e le aspettative per l’inizio del 2013 sono molto negative. Il portafoglio dei nuovi ordini è piuttosto povero. Inoltre, l’aumento della tassazione a vari livelli sta deprimendo ancora di più la già scarsa domanda interna. La Germania, mercato principale dell’industria ceca, sta vivendo anch’essa un rallentamento. Si aspettano mesi davvero molto difficili, per il settore industriale.

Industrial Output
The expectations for a slump in production output were correct. In November it decreased by a nominal -3.9%, and by an astounding -6.2% when counting the working days. The expectations for December are for even worse figures. The acquired orders portfolio is very weak. Furthermore, the tax increases are depressing the already poor domerstic demand. The largest export market, Germany, is also experiencing a slowdown, therefore everybody is bracing for very tough coming months.

Inflazione 
L’inflazione si mantiene sotto controllo, scendendo leggermente in dicembre al 2.4% su base annua. Si conferma però che i motivi per la contenuta inflazione, non sono quelli positivi e salutari. Al contrario, i prezzi sono compressi dal crollo della domanda interna, del reddito disponibile della famiglie, e dal loro indebitamento. Certamente anche le azioni della Banca Centrale, in particolare gli aggiustamenti sulla corona stanno certamente aiutando a mantenere gli aumenti dei prezzi a livelli gestibili. L’aumento della tassazione indiretta spingerà i prezzi al rialzo, per cui ci si aspetta una leggera impennata, e ciò determinerà un ulteriore calo della domanda interna.

Inflation 
The inflation is still quite under control, recording a +2.4% y-on-y in December. Unfortunately it is clear that the real reasons for that don’t come from a healthy economy. On the contrary, the reason for the moderate inflation is the strong downward pressure on price due to the slump in domestic demand, weak disposable income and growing private debt. 
Certailny the actions of the Central Bank and its adjustments of the Crown are also helping keeping the price increases at relatively manageable levels. The tax increases will push the upwards the prices, determining a further slump in domestic demand.

Disoccupazione
Forte crescita della disoccupazione in dicembre, fino al 9.4%, il valore più alto da due anni. Gli artifici di contabilizzazione e i pensionamenti accelerati, non riescono comunque più a nascondere la crisi occupazionale. L’industria essendo in sostanza ferma, tende a licenziare. La domanda interna depressa blocca le assunzioni anche nel terziario, con compressione dei salari, in una spirale depressiva che si accentuerà nel 2013. Nonostante ciò, Praga è vicina alla piena occupazione, pur con segnali negativi che si espliciteranno nel 2013. Mentre le regioni tradizionalmente deboli si confermano tali e continueranno ad esserlo sempre di più, considerando i troppo generosi contributi alla disoccupazione nelle aree depresse e la scarsa attitudine alla mobilità della forza lavoro. 

Unemployment
The unemployment rose in December to 9.4, the highest in two years. The early retirements, and the new calculation methods used last months, can’t hide anymore the employment crisis. The industriol sector is in a slump and is firing people.  The domestic demand is depressed, therefore even the service sector is not hiring, and salaries are stagnating. This downward spiral is going to continue in 2013. Nevertheless, Prague has an almost full employment situation, even though the negative signals will become harsh reality ther too in 2013. Again, the weakest regions keep being that. And they shall continue being weak, considering the all too generous subsidies to the unemployed and the negative attitude to relocation among the unemployed workforce.

Commercio estero
Bilancia commerciale in forte attivo anche in novembre, di 36 milardi di corone. Il dato è dovuto perlopiù al calo del 2.4% delle importazioni. Per la prima volta da molto tempo, il disavanzo reale con i paesi asiatici è sceso, a causa del calo della domanda interna di beni di consumo. In generale l’attivo rimane forte con i paesi EU, a 69 miliardi di corone. La Germania rimane il primo mercato di esportazione. Dopo diverso tempo, le importazioni dall’Italia superano le esportazioni. La bilancia dei pagamenti con i paesi non-EU è scesa a -33 miliardi, con le importazioni dalla Russia in forte crescita.

Foreign trade
The trade balance was in strong positive territory by 36bn Crowns in November. Unfortunately, that  figure is mainly due to a strong decrease in imports, down by 2.4%. For the first time in a while, the deficit with asian countries has decreased, mostly thanks to a lower demand for consumer goods. The trade balance keeps being quite strong with EU countries, by 69bn Crowns. Germany is still the largest export market. After quite a while, imports from Italy exceed exports. The trade balance with non-EU countries slowed down to -33bn Crowns, with imports from Russia strongly growing. 


di Gianluca Zago / by Gianluca Zago